È facile chiamarli fascisti, più difficile rispondere alle loro richieste

Alessio Mazzucco

La protesta dei forconi scema ed è già un festeggiare , “erano gruppetti di neo-fascisti”, “populisti”, “ignoranti”, “una protesta violenta” nonostante Letta, incoronatosi padre di una legge di stabilità che non è piaciuta a nessuno (ripeto: a NESSUNO), avverta sommessamente di non abbassare la guardia. Che guastafeste! Potevamo finalmente ricominciare a parlare di NOI e solo di NOI, del partito, delle segreterie, delle coalizioni, della legge elettorale, dei processi, dei grillini, e invece no: il Primo Ministro mormora di non abbassare la guardia.

No, Letta, la guardia non va abbassata. Ma non tanto per le proteste di piazza, cose normali che accadono a un paese in recessione da otto trimestri su cui spira la tiepida brezza di uno zero virgola qualcosa di crescita e la voce tuonante della Merkel che impone di perseguire le politiche degli ultimi anni, ma per quel che è accaduto alla società. Eh sì, perché mentre la recessione mordeva, la società si trasformava, cambiava, mutava il suo aspetto – in bene o in male sarà la storia a giudicare – e ora non si torna più indietro. Quindi poche scuse, niente alibi: forconi o non forconi, fascistelli o anarchici, la protesta c’è stata ed è stato il segnale più pericoloso degli ultimi anni dopo il pistolero solitario che ha colpito due poliziotti all’entrata di Palazzo Chigi. Già, perché chi di voi ricorda l’accaduto forse ha dimenticato le dichiarazioni dell’uomo: “Volevo colpire due o tre politici”. Due o tre, come fosse un tiro al piattello, come fossero bersagli per il tiro con l’arco, e invece erano politici, obiettivi di una rabbia repressa e serpeggiante.

Mi rivolgo alla sinistra da questo blog sconosciuto e dico: non cercate altri alibi. Per anni, decenni, vi siete coccolati gli universitari dei collettivi, i dipendenti pubblici, i pensionati e i lavoratori con contratti blindati, e ora vi stupite se vi sputano in faccia. Ma avete dimenticato tutti gli altri, i piccoli-medi imprenditori, le partite IVA, i non protetti, i precari, quelli che sì, forse non parlano il linguaggio delle vecchie liturgie del partito, forse del segretario del PD un po’ se ne sbattono, non partecipano a congressi e assemblee, ma domandano una politica capace di dare un’impronta e una direzione al paese. Lo fanno male? Non ti piacciono? Li chiami fascistelli? Questo non è un mio problema, né il tuo, oh sinistra: le proteste, per definizione, non sono pacifiche marce a suon di tamburi e bella-ciao, quindi dimenticale perché hai perso l’esclusiva.

I forconi non sono più in piazza. Vero. Eppure la protesta ha rappresentato una cesura: la rabbia resta, e i partecipanti si sono conosciuti proprio quel giorno sulle piazze, e magari si riorganizzeranno, magari no. Il malessere non si cancella con un colpo di spugna, una pacca sulla spalla e un articoletto di Serra o Gramellini che richiama all’ordine, alla pacificazione sociale e al buonismo globale. No, il malessere si cancella con le riforme.

Concludo: questo governo ha campato già abbastanza a lungo da permettere a Grillo di abbaiare più di quel che meriti, ai grillini di farsi profeti della nuova purezza, a Berlusconi di rimettersi in sesto e alla sinistra di riorganizzarsi. Vi prego: legge elettorale, stop al bicameralismo, premio di maggioranza a chi ottiene la percentuale più alta di voti e nuovo governo. Vi sembra poco democratico? Se ci pensate, la democrazia risponde al fine di permettere al popolo di partecipare, e a un paese di perseguire gli obiettivi con cui le parti politiche si cingono i vessilli; questo sistema politico non risponde  a queste esigenze, quindi non la considero più democrazia.

Lascia un commento

Archiviato in Discutendo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...